Luciano Rispoli psicologo : genitori che maltrattano i figli e cadano in abuso di potere-articolo

Luciano Rispoli psicologo : genitori che maltrattano i figli e cadano in abuso di potere-articolo

A cura di Luciano Rispoli

luciano rispoli psicologia

 

 

 

 

 

 

 

Il  “maltrattamento dei figli e l’abuso di potere” è uno dei temi attuali della nostra società. Attraverso questo articolo di Luciano Rispoli, psicologo, possiamo approfondire questo argomento attraverso l’ottica Funzionalista da lui fondata. 

 

Come evitare che i genitori maltrattano i figli e cadano in abuso di potere.

Ancora oggi, in molte parti del mondo, in molti paesi, sussiste una difficoltà dei genitori nell’entrare nella visione più attuale (scientificamente basata) di come ci si deve relazionare con i figli per assicurare loro uno sviluppo sano e una personalità piena ed equilibrata. Ci sono ancora comportamenti che derivano dal considerare il figlio come un oggetto che si possiede; ci sono ancora troppi autoritarismi miopi, troppi maltrattamenti, troppi abusi di potere.

Dunque, una delle forme di prevenzione reale per i disagi di bambini e adolescenti dovrebbe basarsi sull’aiutare i genitori a non perdere, o a recuperare, quei funzionamenti che sono alla base del rispetto della vita umana, e in particolare alla base di una capacità genitoriale sana.

Il Neo-Funzionalismo ha da tempo sviluppato conoscenze in tal senso, individuando i funzionamenti fondamentali nella vita degli esseri umani, funzionamenti che esistono fin dalla nascita (o addirittura anche prima) e che nell’età evolutiva prendono il nome di Esperienze di Base del Sé (EBS) perché sono quelle esperienze fondamentali che il piccolo attraversa nella sua relazione con il mondo, e che poi, consolidandosi, diventano capacità da adulti.

Qui di seguito esponiamo quali sono le Esperienze di Base più importanti rispetto alla genitorialità sana.

EBS Tenerezza.

Non si può arrivare a maltrattare nessuno e soprattutto i propri figli se si è in grado di poter sentire il disagio dell’ altro con tenerezza e pazienza. Senza voler accusare i genitori maschi possiamo riconoscere certamente in misura maggiore questa capacità alle madri, anche se ci sono ovviamente moltissime eccezioni. La Tenerezza infatti non sembra essere facilmente un patrimonio dei padri. Ciò non toglie che cosi non dovrebbe essere. Perche la Tenerezza non è storicamente né insegnata né tollerata nell’educazione dei maschi.

EBS  Contatto Empatia

Quale altro Funzionamento può evitare al genitore di cadere nella rabbia, e in comportamenti violenti continuativi verbali e non verbali? Che cos’è l’empatia?

luciano rispoli psicologiaL’empatia è potersi mettere nei panni dell’altro, sentire le stesse sensazioni che sente l’altro. E dunque come poter infliggere maltrattamenti se poi con l’empatia né sente gli effetti anche su di sé? Una vera empatia impedisce in tanti casi di fare del male.

EBS Consistenza e Forza Calma

Ma quando parliamo di un genitore maschio gioca molto anche la Consistenza nella relazione autorevole (e non violenta) con i propri figli. Nella famiglia, ovviamente, se ci si arresta su vecchi stereotipi,il ruolo del padre è sempre stato quello di “farsi rispettare”, di essere quello forte, “quello” a cui si deve obbedire. Il padre, sempre in questa vecchia ottica, decide le regole, le fa rispettare e, in forza del suo essere maschio, deve essere obbedito da tutti, dalla moglie come dai figli. Ma quando il padre non ha né Consistenza né Forza Calma, cosa può succedere? E ancora, quando i figli percepiscono una certa debolezza del padre e ne abusano, cosa realmente accade?Ormai il Funzionalismo ci mostra chiaramente che la mancanza, o meglio la non pienezza, di questi due Funzionamenti di Base arresta parzialmente o del tutto l’espressione della autorevolezza; che è costituita proprio dall’interazione della Forza Calma con la Consistenza.  

EBS Prendere l’altro

Un altro punto importante è la capacità di “prendersi” i figli, cioè di portarli sul proprio punto di vista e saperli guidare verso giusti obiettivi. Quest’ultima Esperienza di Base dovrebbe essere presente in almeno uno dei due genitori; ma soprattutto è necessaria ancora di più nel padre se risulta carente nella madre. Tutti i figli hanno molto bisogno di essere guidati e consigliati, anche se spesso sembrano rifiutare e opporsi ai consigli e alla guida. Ma, a tal proposito, dobbiamo sottolineare che la guida non è assolutamente imposizione autoritaria, perche va accompagnata da spiegazioni importanti per la vita e il futuro dei figli. La forza e l’efficacia della guida deve basarsi (oltre alle spiegazioni) anche sulla continua ripetizione delle spiegazioni e delle informazioni che la giovane, il giovane deve apprendere.

Abbiamo oggi, quindi, gli strumenti e le metodologie per affrontare seriamente il problema del maltrattamento dei minori in famiglia, fenomeno purtroppo molto visibile nelle nostre società.

 


Clicca qui per conoscere le pubblicazioni di Luciano Rispoli


Vuoi specializzarti in Psicoterapia? Vieni a scoprire la nostra Scuola cliccando qui

Ti suggeriamo anche...

Share